Un uomo da bruciare


A causa di alcuni errori, sto rischiando di essere disconosciuta dall’unico genitore che ho: mia madre! Quindi mi trovo costretta ad apportare alcune modifiche che troverete in corsivo.

Zerofolle*
avevo scritto “sorcina” ma non è corretto!

I fans di Renato di dividono in epoche: prima degli anni ’80 ci sono gli zerofolli, dopo i sorcini.

Sarà che ho una mamma zerofolle* o perché anche a me piace Renato Zero, ma ci sono alcune canzoni che mi accompagnano da quando ero bambina. Le apprezzo in modo particolare dal giorno in cui le ascoltai attentamente la prima volta, cosa che non ricordo assolutamente quando è avvenuta proprio perché, come ho detto prima, ho una mamma che  lo segue da quando aveva 8 anni

Come vi dicevo, il repertorio del Maestro, lo ascolto da tempo immemore ma ci sono delle canzoni che apprezzo in modo particolare:

Hanno un testo molto importante ma ce n’è una che, in questi ultimi anni, mi sento particolarmente vicina; voglio dire che, in questo periodo guardandomi intorno vedo solo questo tipo di persone: Atlante.

Gente che crede di fare cose straordinarie, si vanta di … vivere! Esaltano quello che fa e, magari, hanno solo comprato casa oppure hanno un negozio di proprietà (anche se vista la situazione attuale non è cosa da niente, quest’ultima), o invece, hanno semplicemente un lavoro che qualcun altro gli ha trovato; ecco, mi sento circondata da “uomini da bruciare” (N.B. “uomini” inteso come persone, sia F sia M!)

“La vita dietro un banco a costruire
un avvenire che le possa dare
la sicurezza, un’auto, qualcosa da invidiare
l’avrai!”

Ogni volta che li ascolto, mi viene in mente questa canzone ed ogni volta che dicono qualcosa solo per poter dire “vedi? anche io posso!“, mi viene da urlargli:

“L’avrai, l’avrai con slancio e con amore
l’avrai, ma tu non sai il prezzo che dovrai pagare
scappa, fuggi e salva qualche cosa in te
e non lasciarli fare
non diventare un uomo da bruciare”

Quindi a meno che abbiate fatto qualcosa di veramente impressionante, sappiate che di persone come voi/noi n’é pieno il mondo: La macchina, la casa, un figlio oppure un lavoro, una divisa non devono essere strumenti per auto-celebrarsi.

Se il vostro punto di partenza è 6 (la base/sufficienza), e siete arrivati a 10 non è perché siete stati più bravi di altri, è solo perché avevate un vantaggio su chi è partito da 0.

Se vi ha fatto piacere leggerlo, condividetelo! 😁 ad ogni modo vi aspetto sulla pagina FB

2 pensieri riguardo “Un uomo da bruciare”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.