Pubblicato in: Pensieri sparsi, Serie TV

Una nuova Lingua

Si comprende appieno la quantità di tempo che dedichiamo a noi stessi quando arrivano dei piccoli esserini il cui motto non è sempre “mangiare, dormire e far pupu”! Ci sono bimbi che hanno difficoltà con il sonno e, quindi, si rimpiange il tempo in cui potevi fare quello che volevi, quando lo volevi fare. Questo per dire cosa? che nei 5 minuti (e guai a forare di 1 minuto) in cui la mia bimba riposa, mi metto a studiare il giapponese.

Non è sempre possibile fare quello che ci piace soprattutto se questo ha bisogno di tempo, concentrazione ed attrezzatura non adatta ad una bimba di 1 anno, quindi quando non mi riposo con lei oppure i doveri di casa

esercizi.jpg
li ho già svolti tutti, prendo carta e penna apro l’applicazione e faccio i compiti. Si torna alle paginette delle elementari ma, invece di a b c imparo hiragana.

Attratta ogni giorno sempre di più da questa follia, ho messo da parte l’app per approfondire di più l’argomento ed ecco che ho fatto il mio primo acquisto ( e meno male che doveva essere solo uno svago!): Kana, caratteri e suoni della lingua gipponese oltre ai quaderni di scrittura. Chiaramente, una lingua è espressione di cultura, quindi, per capirci di più su di una realtà così lontana da noi c’è un sistema che ci rende le cose un po’ più emplici: il sito studiaregiapponese.com

Come andrà a finire? Non ne ho idea, per ora ho scoperto che questa lingua mi affascina, m’intriga come un bel libro giallo ma, soprattutto, essendo una cultura molto lontana dalla mia: mi stimola.

Visto è il tempo è limitato, e per abituare l’orecchio ed imparare qualcosa su questa cultura, non c’è niente di meglio di una serie tv. Cercavo qualcosa di non troppo serioso, o ridicolo, oppure per ragazzini e mi sono imbattuta in Atelier. Cosa posso dire di questa serie? A me piace tutto, anche se delle volte mi sembra surreale (e mi piace anche questo aspetto a me completamente strano!) la fotografia, l’ambientazione (una casa di moda di lingerie) e, cosa non da poco proprio perché l’ho notata: la musica.

No limitatevi al vostro quartiere! abbiamo internet, abbiamo il mondo a disposizione! Studiate e siate liberi!

Autore:

E' tutta una questione di libertà

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...