Ragazza di campagna


Quando si pensa alle gite scolastiche, si fa un viaggio non da poco ai bellissimi tempi in cui eravamo convinti di avere problemi ed invece erano solo … pensieri.

Vi ricordate la divisione dei pulman? In fondo i casinari, avanti i secchioni e insomma, tutto fantastico se non fosse che… l’ho sempre detestato! Per non far ricadere i miei problemi esistenziali/psichiatrici su di una nana di 21 mesi, ho portato Titta (è come pronuncia il suo nome) in gita scolatisca.

Certo, perché anche i nidi vanno in gita ed in posti che profumano di… “nature”

Ed eccoci a sabato, il giorno della gita di Titta. Pantaloni e scarpe chiuse, si va in campagna. A soli 30 minuti di macchina c’è una cascina didattica che apre le porte a questi piccoli… nani!

Una giornata tra “muuuuu” e “beeee” e anche “iiioooo” insomma, la Cascina didattica Il Melograno di Villar Dora ha aperto le porte al nido.

Tutti i nani intorno al tavolo a fare il lavoretto, tra genitori apprensivi ed orgogliosi di questi piccoli cuccioli che incollano pezzetti di carta su dei cd trasformandoli in pseudo pecore che, ovviamente, verranno appese nelle case e mostrate ai poveri visitatori come opere di van Gogh. Pezzi unici di rara bellezza, i cui proprietari non riescono a capire che la bellezza di certi oggetti sta negli occhi di chi guarda, ma possiamo dire di avere una bellissima CDecora in casa!

Un contatto con la natura che a Titta le è piaciuto in particolar modo…azzarderei a dire “troppo”. Lei cercava di dar da mangiare alle capre mentre alcuni suoi colleghi guardavano queste bestie in braccio ai genitori; le capre che tentavano di ingurgitare sederi o borse di plastica di poveri malcapitati accovacciati intenti a cercar di far fare “caro caro” sui musi di queste ignare capre che ci osservavano incuriosite. Era strano: tutte vicino ai cancelli per studiarci, quasi fossimo noi l’attrazione principale della giornata ma, sicuramente, dal loro punto di vista era cosi; tranne che per la mucca ed il toro: sdraiate al fresco se ne sono infischiati di un branco di pulcini che pigolavano all’unisono un “muuuu” fragoroso solo per farle avvicinare per poterle accarezzare. Ma loro, serafiche, impassibili erano lì…nel Nirvana!!

ED ecco che: dopo aver fatto le insabbiature, giocato, mangiato ed interagito tra loro, anche i genitori raggiungono lo stato di beatitudine!

Messa in macchina Titta, si è appisolata con la stessa velocità in cui si avvia l’accensione della macchina ed è subito quiete!

Magari ci trasferiremo in campagna 🤔

Vi è piaciuta questa avventura? Condividete e seguitemi sui social ☕😎

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: